Veronica Boccia

Veronica ha 30 anni, un cagnolone tutto bianco coccolato e viziatissimo ed un ciuffo blu che la fa assomigliare ad un buffo personaggio manga. È laureata in lettere moderne, con una tesi in letteratura per l'infanzia e ha conseguito con 110 e lode un Master in Scienze e tecniche dello spettacolo.

 

Il suo primo debutto sulle scene risale ai lontani anni '90, quando con gli amici si divertiva a mettere in scena fiabe o storielle scritte da lei nel salone della parrocchia. Continua a interpretare vari e sgangherati personaggi per intrattenere i bambini del paese in feste di carnevale e festicciole simili, fino a quando, durante una lezione di letteratura, si imbatte nel monologo di Mirandolina ne "La Locandiera" di Goldoni e rimane folgorata da quanta reale forza e quale fascino possano nascondersi in quel magico mondo chiamato teatro.

 

Decide così di dare una struttura ben definita alla sua passione e si iscrive alla Piccola Scuola del Teatro del Cerchio di Parma. Qui apprende le basi della teatralità ed ha la magnifica opportunità di assistenza grandi nomi della scena italiana, frequentando seminari e collaborando agli allestimenti registici. Impara pian piano quanto fondamentale sia il teatro nella crescita individuale e assistendo corsi di teatro all'interno delle scuole apprende le tecniche di formazione e si appassiona sempre più alla conduzione di laboratori per bambini e ragazzi.

L'amore per la scena e per il teatro in tutte le sue mille sfaccettature culmina nella fondazione dell'Associazione Kàos teatri.